Si è verificato un errore nel gadget

venerdì 30 dicembre 2011

A pagare? ...i soliti noti.

In questi mesi di crisi si è sentito dire più volte che noi italiani, per lunghi anni, abbiamo vissuto al di sopra delle nostre possibilità. E' per questo che il debito si è accumulato, ed è per questo che oggi ci ritroviamo al punto in cui siamo, praticamente col culo per terra.
Il fatto che lo dicano i francesi o i tedeschi mi può andare anche bene, in fin dei conti gli stiamo chiedendo di condividere i nostri debiti, di farsene, se non carico, almeno garanti, e quindi ci può stare. Ma, che a ripeterlo, ed anche in modo un po' offensivo e distaccato siano esponenti dell'attuale governo, mi sembra cosa un po' meno tollerabile ed ingiusta.
Se poi si considera che alcuni di lorsignori sono stati anche consiglieri, in passato, dei governanti succedutisi alla guida del Paese, beh, la cosa suona ancor più grave, visto che potrebbero essere stati gli (inconsapevoli?) artefici di scelte sbagliate.
Insomma, il punto qual'è? Chi è che ha vissuto davvero al di sopra delle proprie possibilità? Non certo gli italiani, intesi come popolo, da sempre considerati le formiche d'Europa, sono pochissimi infatti quelli che si sono indebitati per fare una vita al di sopra delle proprie possibilità.
In effetti, se si considera l'indebitamento delle famiglie, noi siamo tra i più virtuosi al mondo.
Certo, non saremo tra i più ricchi, ma di sicuro siamo anche molto lontani da i più indebitati. Questo significa che le nostre famiglie, con le dovute eccezioni, e ci mancherebbe altro, godono ancora di una discreta salute, che però, questa crisi sta mettendo a durissima prova.  
Allora chi è che ha vissuto al di sopra delle proprie possibilità se il cittadino non è?

Lo Stato. Si, lo Stato italiano.

Questa entità, di volta in volta governata e gestita da una classe politica quasi sempre incapace.
Lui è il vero colpevole di questa crisi, o meglio l'artefice dell'indebitamento che ci ha portato a questa crisi così mostruosa e che adesso, tutti, siamo chiamati a pagare.
Ma chi ha beneficiato davvero di questo indebitamento dello Stato?
Secondo me pochi, tra cui tutta la classe politica e dirigente italiana che poi, in effetti  è e forma "lo Stato" e i loro sodali.
Il patrimonio che doveva essere di tutti e che doveva servire ad un rilancio globale dell'economia dell'Italia è stato sprecato tra lauti stipendi, correlati di bende e prebende a tutti i boiardi di stato, auto blu, assunzioni fittizie, incarichi centuplicati a chi non meritava neanche una tazza di caffè, pensioni d'oro, mazzette, appalti truccati, opere iniziate e mai concluse e comunque sempre strapagate, tangenti, favori, consulenze esterne, interessi privati  e chi più ne ha più ne metta.
Una piccola parte di società che ha raccolto il massimo dalla sua posizione dominante facendo scorrere piccoli rivoli verso il basso senza che questi abbiano dato una svolta vera e significativa all'economia della nazione.
E' a loro che personalmente avrei fatto pagare i costi di questa crisi, politici in primis. Purtroppo cosi non sarà.
E' partendo dal presupposto, sbagliato, che tutti, chi più chi meno, abbiano beneficiato dei soldi del debito che il Prof. Monti, con aria un po' altezzosa e sprezzo per i più poveri, oggi chiede a tutti, grandi sacrifici.
Insomma, solo pensando che tutti, indistintamente,  abbiano vissuto sulle spalle del debito si può arrivare a chiedere, nella maniera in cui è stato fatto, di partecipare alle spese per il rientro.Questa è la sensazazione che ho ricevuto sentendo parlare il premier e vedendo il modo in cui ha distribuito i costi della manovra.
Se anche c'è stata una stretta sulle classi più abbienti sembra non si sia voluto affondare il bisturi più di tanto per paura che questi signori, alla fine, scappino dall'Italia portandosi via il bottino.
Corrotti e corruttori, arricchitisi con i soldi di tutti, come nella migliore tradizione italiana, saranno assolti dai loro peccati col versamento di un piccolo obolo, il resto sarà a carico dei soliti noti (al fisco) che da sempre tengono su il Paese.

venerdì 23 dicembre 2011

AUGURI AUGURI AUGURI AUGURI AUGURI

E DAI!!! E' L'UNICA COSA CHE CI RIMANE
DA POTER FARE GRATIS

SARA' PURE CHE NON C'E' MOLTO DA FESTEGGIARE
MA AUGURARSI CHE LE COSE MIGLIORINO
E' IL MINIMO CHE POSSIAMO FARE.

ANCHE LE PORCATE DELLA POLVERINI
RIESCONO A PASSARE IN SECONDO PIANO
PERCHE' ABBIAMO BISOGNO DI STACCARE LA SPINA
PER UN PO'.
NON SE NE PUO' PIU' DAVVERO
PER CUI BEN VENGA QUESTO NATALE
SE RIESCE A FARCI STARE, ANCHE SOLTANTO UN PO',
TRANQUILLI CON I NOSTRI CARI.

BUON NATALE A TUTTI 

domenica 18 dicembre 2011

E se li mandassimo tutti a quel paese?

Più aumentano le tasse, più cadiamo in recessione. Questa è l'unica certezza del momento.
Siamo come un cane che gira in tondo mordendosi la coda.
Più ci strizzano per far fronte ai debiti e  più coliamo a picco, più coliamo a picco e più sarà richiesto, in percentuale, a chi ancora dispone di qualcosa. Può essere la catastrofe totale.  Non essendoci più risorse da dedicare al consumo le aziende chiuderanno e senza le aziende non ci sarà più lavoro nè reddito. Un circuito vizioso che bisogna a tutti i costi interrompere.
La vera tragedia di questa crisi è che tutti i sacrifici che ci apprestiamo a fare altro non servono che a rassicurare chi ci ha prestato soldi, sul fatto che riavrà tutto ciò che deve e con tanto di interessi.
I nostri sacrifici, le nostre lacrime ed il nostro sangue, andranno solo a rimpinguare le casse, già grasse, di ricchi finanzieri che fanno la loro fortuna sulle disgrazie degli altri.
Peggio, queste disgrazie le provocano, per ottenerne profitti.
Per poter rimborsare loro, i grandi ricchi che governano il pianeta, siamo costretti quasi alla fame, a licenziare e a risparmiare su tutto, come se questa crisi la avessimo creata noi e non (sempre) loro con i (ancora) loro giochetti finanziari crollati alcuni anni fa.
E' da allora che il mondo non si riprende ancora.
E' da allora che stanno facendo pagare a noi i (sempre) loro errori.
E se invece li mandassimo tutti a quel paese?
Certo, perderemmo in credibilità e saremmo addidati come cattivi pagatori, ma se quei soldi li impiegassimo a sostenere il reddito delle persone, a sostenere le industrie, a promuovere nuovi posti di lavoro per i più giovani, non manderemmo certo sul lastrico migliaia di famiglie e tanto meno loro, i nostri creditori.
Non chiuderemmo decine di fabbriche mantenendo attivi posti di lavoro che creerebbero un nuovo giro virtuoso di crescita del paese con nuovi introiti per lo Stato che a quel punto avrebbe di nuovo i soldi per far fronte agli impegni presi.
Quello che voglio dire è che, invece di bloccare il Paese prosciugandolo di ogni risorsa e mandandolo in recessione, potremmo bloccare il pagamento dei debiti e degli interessi  per promuovere con quei soldi una rinascita economica in modo che tra qualche anno si possa tornare di nuovo in situazione di favorevole bilancio economico con beneficio di tutti.
In quest'ottica, la presenza al governo del prof. Monti, delle lacrime e del sangue, sarebbero meglio accettate e tollerate da una popolazione che è allo stremo e che, pure impegnandosi, non riesce a capire come e perchè si trova in questa situazione.
Venuta meno la favoletta del «Berlusconi padre di tutti i mali», vorremmo almeno la certezza che i sacrifici che faremo servano senza ombra di dubbio a riportare in su l'Italia, per noi e soprattutto per i nostri figli.

venerdì 16 dicembre 2011

Adorabili birbanti.

In che altro modo chiamereste questi bellissimi esemplari di Samoyed husky.
La tenerezza che infondono in giovane età è pari alla forza che hanno in età adulta.
Granitici animali da neve, sono perfettamente adattati a vivere a temperature di decine di gradi sotto lo zero, noi li adoramo per la loro bellezza e simpatia dimenticando spesso che sono il frutto di anni e anni  di evoluzione di una specie che ha vissuto e vive in territori quasi proibitivi al fianco di popolazioni (i Samoiedi appunto) che ogni giorno con loro, sfidano la sorte per sopravvivere. Godiamoci qualche loro foto e ricordiamo che senza il loro aiuto, quei popoli che li hanno adottati, avrebbero avuto ancora più problemi nella loro quotidiana lotta alla sopravvivenza.


Si potrebbe continuare all'infinito, ma credo che queste foto siano più che sufficienti a suffragare il titolo di 'adorabili birbanti'.

venerdì 9 dicembre 2011

Di equo in Italia c'è solo la morte, Totò lo capì tanto tempo fa.

Un omaggio al grandissimo Totò, incarnazione della saggezza popolare.
La sua " la livella" è tra le cose più significative che ci lasciò in eredità.
Buona visone a tutti.