Si è verificato un errore nel gadget

venerdì 30 dicembre 2011

A pagare? ...i soliti noti.

In questi mesi di crisi si è sentito dire più volte che noi italiani, per lunghi anni, abbiamo vissuto al di sopra delle nostre possibilità. E' per questo che il debito si è accumulato, ed è per questo che oggi ci ritroviamo al punto in cui siamo, praticamente col culo per terra.
Il fatto che lo dicano i francesi o i tedeschi mi può andare anche bene, in fin dei conti gli stiamo chiedendo di condividere i nostri debiti, di farsene, se non carico, almeno garanti, e quindi ci può stare. Ma, che a ripeterlo, ed anche in modo un po' offensivo e distaccato siano esponenti dell'attuale governo, mi sembra cosa un po' meno tollerabile ed ingiusta.
Se poi si considera che alcuni di lorsignori sono stati anche consiglieri, in passato, dei governanti succedutisi alla guida del Paese, beh, la cosa suona ancor più grave, visto che potrebbero essere stati gli (inconsapevoli?) artefici di scelte sbagliate.
Insomma, il punto qual'è? Chi è che ha vissuto davvero al di sopra delle proprie possibilità? Non certo gli italiani, intesi come popolo, da sempre considerati le formiche d'Europa, sono pochissimi infatti quelli che si sono indebitati per fare una vita al di sopra delle proprie possibilità.
In effetti, se si considera l'indebitamento delle famiglie, noi siamo tra i più virtuosi al mondo.
Certo, non saremo tra i più ricchi, ma di sicuro siamo anche molto lontani da i più indebitati. Questo significa che le nostre famiglie, con le dovute eccezioni, e ci mancherebbe altro, godono ancora di una discreta salute, che però, questa crisi sta mettendo a durissima prova.  
Allora chi è che ha vissuto al di sopra delle proprie possibilità se il cittadino non è?

Lo Stato. Si, lo Stato italiano.

Questa entità, di volta in volta governata e gestita da una classe politica quasi sempre incapace.
Lui è il vero colpevole di questa crisi, o meglio l'artefice dell'indebitamento che ci ha portato a questa crisi così mostruosa e che adesso, tutti, siamo chiamati a pagare.
Ma chi ha beneficiato davvero di questo indebitamento dello Stato?
Secondo me pochi, tra cui tutta la classe politica e dirigente italiana che poi, in effetti  è e forma "lo Stato" e i loro sodali.
Il patrimonio che doveva essere di tutti e che doveva servire ad un rilancio globale dell'economia dell'Italia è stato sprecato tra lauti stipendi, correlati di bende e prebende a tutti i boiardi di stato, auto blu, assunzioni fittizie, incarichi centuplicati a chi non meritava neanche una tazza di caffè, pensioni d'oro, mazzette, appalti truccati, opere iniziate e mai concluse e comunque sempre strapagate, tangenti, favori, consulenze esterne, interessi privati  e chi più ne ha più ne metta.
Una piccola parte di società che ha raccolto il massimo dalla sua posizione dominante facendo scorrere piccoli rivoli verso il basso senza che questi abbiano dato una svolta vera e significativa all'economia della nazione.
E' a loro che personalmente avrei fatto pagare i costi di questa crisi, politici in primis. Purtroppo cosi non sarà.
E' partendo dal presupposto, sbagliato, che tutti, chi più chi meno, abbiano beneficiato dei soldi del debito che il Prof. Monti, con aria un po' altezzosa e sprezzo per i più poveri, oggi chiede a tutti, grandi sacrifici.
Insomma, solo pensando che tutti, indistintamente,  abbiano vissuto sulle spalle del debito si può arrivare a chiedere, nella maniera in cui è stato fatto, di partecipare alle spese per il rientro.Questa è la sensazazione che ho ricevuto sentendo parlare il premier e vedendo il modo in cui ha distribuito i costi della manovra.
Se anche c'è stata una stretta sulle classi più abbienti sembra non si sia voluto affondare il bisturi più di tanto per paura che questi signori, alla fine, scappino dall'Italia portandosi via il bottino.
Corrotti e corruttori, arricchitisi con i soldi di tutti, come nella migliore tradizione italiana, saranno assolti dai loro peccati col versamento di un piccolo obolo, il resto sarà a carico dei soliti noti (al fisco) che da sempre tengono su il Paese.

Nessun commento:

Posta un commento