Si è verificato un errore nel gadget

venerdì 25 febbraio 2011

Chi dopo Gheddafi?


Continuano gli scontri in Libia, Gheddafi è sempre nel suo bunker a comandare la controffensiva verso i rivoltosi ma le notizie che ci giungono dal campo sono troppo poche e troppo frammentate per avere un quadro preciso della situazione.
Dov’è il grosso dell’esercito libico, perché non è stato utilizzato?
Ci sono testimonianze che sconfessano il bombardamento delle città da parte dei caccia libici ma che confermano il mitragliamento dall’alto dei manifestanti con gli elicotteri d’assalto.
Sembra anche che la Cirenaica sia caduta in mano agli insorti e che questi abbiano proclamato un ”Emirato Islamico della Libia dell’est”. 
Ciò farebbe pensare che la sommossa da quelle parti non sia stata tanto frutto della spontaneità della popolazione ma controllata da gruppi islamici ben addestrati che hanno assaltato le caserme rifornendosi così di mezzi e munizioni.
E’ di oggi, tra le altre, la notizia che vedrebbe uno dei figli di Gheddafi  alla testa degli insorti.
Insomma al momento nulla è certo in quel paese, molte notizie giunte per via della tv satellitare araba 
Al Jazeera non sono confermabili o sono addirittura false, altre sono invece sottostimate, insomma nel paese regna il caos e questa sembra sia l’unica vera certezza al momento.
La Libia  è un paese allo sbando, ricordiamoci che non possiede  l’autosufficienza  né alimentare  né idrica  ed un suo totale collasso porterebbe alla fame la popolazione che potrebbe davvero riversarsi sulle coste occidentali senza nessun controllo.
Aiuti umanitari internazionali da attivare celermente in loco sarebbero più che auspicabili da tutti.
Non esiste, che si sappia, nessun personaggio politico credibile che possa prendere il posto del colonnello al momento e questa è la preoccupazione maggiore dell’intera comunità internazionale.
Chi dopo Gheddafi? Onestamente nessuno lo sa.
Purtroppo questa della Libia è una partita ancora tutta da giocare.

Nessun commento:

Posta un commento